Ti amo ma non posso-Cecile Bertod

ti-amo-ma-non-posso_8402_x1000.jpg

Trama

Sam lavora da quattro anni al «Chronicle» e, dal primo momento in cui l’ha incontrato, è segretamente innamorata di Dave, il vicedirettore del giornale. Nonostante faccia qualsiasi cosa per essere notata, non sembra avere speranze: è timida, insicura e un po’ troppo in carne, mentre Dave ama il lusso, le modelle e ai sentimenti preferisce i flirt di una sera. Quando lo vede in TV accanto a una donna bellissima, Sam si rende conto che non può continuare a sprecare il proprio tempo dietro a un sogno irrealizzabile. Basta con Dave! Durante la settimana della moda di San Francisco, che vede Dave e Sam presenti per lavoro, il bel giornalista scopre però una ragazza che non sospettava esistesse: Sam è molto di più della schiva e silenziosa redattrice sempre infagottata nella sua felpa di pile. Ma anche per lei quei giorni saranno decisivi. Forse ha più d’un motivo per credere in se stessa. E forse c’è qualcuno che, molto prima di Dave, se n’era già accorto…

Recensione

Ammetto che sono stata sveglia tutta la notte a leggere perché proprio non riuscivo a smettere e  non vi dico neanche le condizioni in cui sono andata al lavoro il giorno successivo, in confronto uno zombie di “the walking dead” è vincitore del più famoso concorso di bellezza…

E a proposito di concorso di bellezza..

Questo libro parla di Sam, ragazza in carne che si nasconde dietro maglioni di due taglie più grandi e tanto sarcasmo, innamorata persa, e non corrisposta, di Dave, vice direttore della rivista giornalistica in cui lavora e che desidera ardentemente essere qualcun altro, magari una modella di Victoria Secret.

1.jpgQuando Sam si ritrova tra le partecipanti di un famoso concorso di bellezza, tutto cambia, da brutto anatroccolo si trasforma in uno splendido cigno e viene notata da tutti coloro che prima la consideravano la semplice Sam, compreso Dave.

Una cosa che vorrei sottolineare è l’importante messaggio che c’è in questo libro: molte di noi si possono immedesimare in Sam, sempre scontente del nostro corpo e maledicendo quei chili in più che la maggior parte delle volte sono solamente nella nostra testa e, come Sam, spesso ci nascondiamo dietro il sarcasmo e battutine ridicole sul nostro corpo per mascherare il disagio che in realtà ci crea.

Questo libro ci vuol far capire che non dobbiamo essere a disagio nel proprio corpo, nessuno ci deve dire come dobbiamo essere, d’altronde non si dice sempre che se si sta bene con se stesso si sta bene anche con gli altri?

Ed è proprio questo messaggio che la Bertod ci vuole trasmettere.

Come sapete non mi piace raccontare troppo dei libri per non rovinare la lettura, quindi non racconterò altro sulla trama, ma posso assicurarvi che il libro è un concentrato di emozioni, ironia, con una scrittura semplice e scorrevole, non risulta mai essere noioso e riesce a tenerti incollata al libro fino alla fine (le mie occhiaie ne sono la prova), come d’altronde tutti i libri di questa meravigliosa autrice.

 

Buona lettura,

Mary

Consigliato: Assolutamente SI

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...