Carve the mark- Veronica Roth

30117284

Trama

In una galassia lontana, dove la vita degli uomini è dominata dalla violenza e dalla vendetta, ogni essere umano possiede un “donocorrente”, ovvero un potere unico e particolare, in grado di determinarne il futuro. Ma mentre la maggior parte degli uomini trae un vantaggio dal dono ricevuto in sorte, Akos e Cyra non possono farlo. Al contrario, i loro doni li hanno resi vulnerabili al controllo altrui.   Cyra è la sorella del brutale tiranno Shotet Ryzek. Il suo donocorrente, ovvero la capacità di trasmettere dolore agli altri attraverso il semplice contatto fisico, viene utilizzato dal fratello per controllare il loro popolo e terrorizzare i nemici. Ma Cyra non è soltanto un’arma nelle mani di un tiranno. La verità è che la ragazza è molto più forte e in gamba di quanto Ryzek pensi.   Akos appartiene al pacifico popolo dei Thuve, e la lealtà nei confronti della famiglia è assoluta. Quando lui e il fratello vengono catturati dai soldati Shotet di Ryzek, l’unico suo pensiero è di riuscire a liberarlo e a portarlo in salvo, costi quel che costi. Quando poi viene costretto a entrare a far parte del mondo di Cyra, l’ostilità tra i loro due popoli sembra diventare insormontabile, tanto da costringere i due ragazzi a una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l’un l’altro.

Recensione

Il sogno di ogni scrittore e scrittrice è quello di riuscire a trasmettere emozioni, coinvolgere il lettore e creare con quest’ultimo un legame unico e indimenticabile attraverso le parole su carta stampata. Riuscirci significa molto spesso scrivere un libro di successo, ma a volte questo si dimostra essere un’arma a doppio taglio. A volte c’è il rischio, infatti, che quel libro ti resti incollato sopra senza lasciarti poi evolvere in altri mondi e in altre storie o con altri personaggi.
È stato con questo pensiero che ho cominciato questa nuova lettura della scrittrice Veronica Roth, giovanissima autrice conosciuta per la saga di Divergent dal quale hanno tratto anche un film.

“Carve the Mark”, primo libro di una duologia, dimostra sin da subito di non avere nulla a che fare con l’altra saga della Roth se non uno spiccato tocco carico di immaginazione per mondi e universi differenti dal nostro.
La narrazione, infatti, si svolge in una galassia composta da nove pianeti distinti regolamentati da un’assemblea legislativa. Elemento che li unisce è la “corrente”, forza mistica che anima il sistema stellare e dona alle persone un potere definito con il nome di “donocorrente”. La storia si svolge principalmente su Thuve, l’unico pianeta abitato da due popolazioni in lotta tra loro per il potere. I due popoli sono l’uno l’opposto dell’altro: i thuveisti sono pacifici e si contrappongono agli shoet che fanno della guerra uno stile di vita. L’ambientazione pur essendo carica e ricca di dettagli appare vivida e chiara a chi li legge. Principalmente la storia coinvolge tre famiglie predestinate da una profezia ad essere in lotta tra loro.

Tutti avevano un futuro, ma non tutti avevano un fato…

Da un lato abbiamo Akos, thuveista, che dopo essere stato rapito insieme al fratello non farà altro che cercare di salvarlo.
Dall’altro abbiamo Cyra, shoet cresciuta nella solitudine e nel dolore.
Due opposti che s’intrecciano, s’incontrano e si… EHI NIENTE SPOILER!
Questi due personaggi così distinti sono ben delineati, infatti, la narrazione si alterna tra i racconti dell’uno e dell’altro, dando al lettore la possibilità di entrare nella loro pelle, vedere con i loro occhi e sentire quello che sentono. Oltre ai due protagonisti, la Roth, inserisce numerosi altri personaggi che danno vita ad un universo dinamico e pieno di colpi di scena.

Le ambientazioni, gli scontri, le lotte e i destini sembrano essere definitivi e immutabili, ma sono l’elemento che rendono “cave the mark” una lettura magnifica che rapisce e che, per rispondere alla domanda che mi ero posta inizialmente, conferma il talento della scrittrice.

Lettura consigliata? SIIIIII! Posso scriverlo e dirlo a gran voce, la Roth, non solo ha confermato le sue abilità, ma a mio parere ha anche superato la prima saga da lei pubblicata (fan di Divergent non me ne vogliate).
Ora lettori e lettrici restate sintonizzati e unitevi a me nell’attesa di quello che ha tutti i presupposti per essere un epico finale di una storia indimenticabile.

Buona lettura,
MIK

Consigliato:Assolutamente Si

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...