Contemporary Romance, history romance

C’era una volta a New York-Cecile Bertod

3 daysSpringBreak Sale!.png

ajgsN0N

Fin da bambina Sophie ha sognato di sposare un nobiluomo con una rendita sufficiente a garantirle il tipo di vita a cui è stata abituata: circoli esclusivi, vestiti d’alta moda, serate di gala. Ma, malgrado l’indiscutibile fascino, non è ancora riuscita a realizzare il suo proposito e, alla soglia dei ventotto anni, sa di non avere più molto tempo a disposizione. Alric, per quanto vecchio e terribilmente noioso, potrebbe rappresentare l’ultima possibilità per sistemarsi e così, una mattina, Sophie indossa il suo abito migliore e lo raggiunge, decisa ad accettare la sua proposta. C’è però una cosa che Sophie non ha previsto: il suo nome è Xavier. Un piccolo-borghese mai visto prima che irrompe nel salotto di rue d’Orsel deciso a infangare il suo buon nome. Xavier sostiene che Sophie non sia affatto la donna che vuol far credere, ma anzi, che un tempo sia stata la sua amante e ora gli nasconda suo figlio. Xavier non intende lasciarla andare prima di averlo ritrovato. Sotto lo sguardo sgomento di Alric, Sophie viene trascinata via e condotta su una nave che salpa per New York. E da quel momento inizia la sua sorprendente avventura…

hUulh4c

Amatassimi readers eccomi qui a recensire il nuovo libro di Cecile Bertod, in uscita oggi

. Il libro di oggi si intitola “C’era una volta a New York”. L’autrice di questo romanzo non ha bisogno chiaramente di presentazioni proprio perchè negli ultimi anni si é distinta dalla massa con brio ed originalitá.
Chi segue i suoi lavori sa bene che questa donna ama sperimentare e cimentarsi con moltissimi generi e personaggi differenti.
Ammetto di essere una sua seguace spassionata e quello di oggi é un libro che mi ha creato notevoli contrasti interiori, come se la mia follia congenita non fosse giá abbastanza da farmi entrare in un saggio di casi irrecuperabilmente psichiatrici.

Ma perché? Perché il genere in cui si é cimentata la nostra autrice é un romance storico. Genere “d’elite” per veri appassionati, se non vi piacciono minimamente é difficile riuscirne a finire uno. In questo caso specifico devo dire che é stato per me difficoltoso arrivare ad una conclusione. So cosa state pensando… Ma ti è piaciuto o no? Domanda complessa, scopriamolo insieme.

yBTXKc4

Fu un bacio casto, eppure sconvolse Xavier più di una notte di lussuria e lo lasció con l’anima spezzata in due.

yBTXKc4

Sophie è il cliché tipico di tutti i romanzi storici una perfetta nobildonna bella, anzi no perfetta, educata, ponderata in ogni suo gesto ma tremendamente superficiale.
Il suo unico scopo nella vita é quello di accalappiare un bel pollo da spennare: un nobile pieno di soldi che le permetta di mantenere il tenore di vita a cui é abituata.
Una sorta di Briatore dei tempi andati.
Ovviamente a quei tempi una donna altolocata non poteva permettersi di scegliere qualcuno per amore, quindi Sophie non si lascia trasportare da nessun tipo di sentimento.
Eppure sotto la superficie c’é un uragano di sensazioni e sentimenti pronti a saltar fuori e ad esplodere. In poche parole potremmo definirla come una vera mazzata sui denti, difficile da sopportare e gestire.
E qui mi viene da aggiungere povero piccolo Xavier.
Xavier è il nostro co-protagonista, un ragazzo gentile, bravo, ma che si ritrova incastrato in situazioni difficili da gestire e dalle quali non riesce sempre vincitore. Poi c’é un piccolo dettaglio che non vi ho detto…Xavier é il rapitore della nostra nobil donna….ma é comunque un brav’uomo.
Come vi anticipano Xavier é un pó un Fantozzi perseguitato dalla sfiga che lo portano a cercare di far fronte alla quotidianitá come possibile.
E proprio per questo si arriva al fine al rapimento di Sophie.
E quindi amici chi ci troviamo di fronte? Due personaggi testardi, complicati e soprattutto diversi. Ma se questa diversitá e questa situazione incresciosa portasse a qualcosa di piú? Se la superficiale contessina scoprisse un nuovo modo di guardare la vita? Mmmmmm ho catturato la vostra attenzione?

Litigio dopo litigio, battuta dopo battuta…. Shhhhh leggete il libro per saperne di piú perché come sempre da me non avrete spoiler. Curiosoniiii.

La difficoltá che ho trovato nel fare questa recensione deriva dal fatto che all’inizio credevo che questo libro non mi piacesse per nulla. Le parti iniziali sono molto lente, il linguaggio ovviamente con riferimenti ad appellativi e gerghi del passato mi sembravano forzati, poco scorrevoli. E poi mentre leggevo non so cosa è successo ho ritrovato tutto ció che amo di piú di questa scrittrice. Humor, battute divertenti, personaggi ben delineati e tutte quelle caratteristiche peculiari della Bertod.

A conferma di questo c’é il fatto che la prima parte ci ho messo giorni a finirla e non facevo che piagnucolare con le mie colleghe, nonché amiche, fino al momento in cui non  riuscivo piú a scollare gli occhi dalle pagine.
É un libro che sicuramente merita di essere letto peró ha bisogno di una nota di avvertimento rispetto alla lentezza delle prime pagine.
A presto
Mik.

3,5 cuori

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...