Contemporary Romance

Recensione in anteprima: Flow-Kennedy Ryan

3-daysspringbreak-sale-11.png

Tra 8 anni Marlon James sarà una delle migliori stelle nascenti nell’industria musicale.
Bristol Gray sarà la sua manager, tosta e pratica.

Ma quando si incontrano per la prima volta, lei è una studentessa universitaria che sta cercando di trovare la sua strada, e lui è un artista determinato a farsi strada nel mondo.

Venendo da mondi completamente diversi, tutto ciò che dovrebbe separarli li fa solamente avvicinare di più.
È un inizio bellissimo, ma come finirà la storia?

huulh4c

Buongiorno cari lettori,
eccomi qui oggi a parlarvi di un’altra anteprima, un romanzo che ho atteso parecchio che arrivasse in italiano, dopo averne sentito parlare molto bene oltreoceano: FLOW di Kennedy Ryan, uscito ieri 23 Ottobre con Hope Edizioni.

Flow è una novella e fa da prequel agli altri due romanzi della serie: Grip e Still (che speriamo di avere presto qui da noi) e racconta una storia che, anche se breve, ha toccato le corde del mio cuore e soprattutto molto profonda.
È la storia di Bristol, una ragazza bellissima che vive a New York alla quale da cinque anni a questa parte manca qualcosa di molto importante: suo fratello gemello, Rhyson.
Per questo, Bristol decide di volare a Los Angeles per una settimana, durante le vacanze di primavera, e andare a trovarlo. Rhyson è un musicista di talento, ma dopo aver capito che i suoi genitori lo stavano manipolando per portarlo al successo e trarne i benefici, lasciando anche che facesse uso (e abuso) di psicofarmaci, decide di emanciparsi da loro e andare a vivere con suo zio Grady a LA.
Bristol ne soffre molto, non capisce perchè suo fratello abbia voluto allontanarsi da lei, lei che non ha nessun talento se non quello di starlo ad ascoltare per ore e ore mentre provava la sua musica in sala registrazione. Lei che per suo fratello stravede letteralmente, che non si è mai sentita abbastanza, trattata come una ragazzina ricca e viziata che ha frequentato le migliori scuole, come se questo potesse essere abbastanza.

Al suo arrivo a LA però, Bristol trova la prima, amara, sorpresa: ad aspettarla all’aeroporto non c’è suo fratello, bensì il suo migliore amico Marlon, detto Grip, un ragazzone di colore tutto muscoli e sorriso genuino, che sta cercando di sfondare come rapper.
Bristol e Grip non potrebbero essere più diversi: lei arriva con una mega valigia di Louis Vuitton, e con abiti firmati dalla testa ai piedi, mentre Grip è un ragazzo modesto. Proviene da Compton, una cittadina in cui la criminalità organizzata è all’ordine del giorno, un piccolo Bronx dove, che si voglia o no, prima o poi tutti finiscono in brutte compagnie.

Veniamo da due mondi talmente lontani che dovrebbe esserci un oceano immenso a separarci, pieno di tutte le differenze tra noi e di tutte le ragioni per cui non dovremmo mai incontrarci sulla terraferma. Invece tra i nostri corpi c’è solo questo spicchio di spazio carico di tensione che sembra restringersi a ogni secondo che passa. Ciò che dovrebbe essere sconosciuto sembra familiare.

Grip, però ha deciso di cambiare la propria vita e trasferirsi a LA per cercare di sfondare con il rap e con i testi che lui stesso scrive, e saranno proprio le sue parole, il suo modo di fare e le lunghe chiacchierate a far breccia nel cuore di Bristol.
Un’attrazione sicuramente ricambiata, ma Grip è famoso per essere un donnaiolo, quindi come si fa a dire poi al proprio migliore amico di avere un debole per sua sorella?

Sapete quel formicolio elettrico di cui parla la gente? Quella cosa che corre lungo la spina dorsale come una minuscola scossa quando le vostre mani si toccano per la prima volta? Non è questo che provo, non è elettrico. È qualcosa che… ribolle. Un calore che sembra fremere sotto la mia pelle per un secondo e poi esplode in un’eruzione solare.

Una storia bellissima, e siamo solo all’inizio, che vi lascerà con un colpo di scena finale e che, seppur in poche pagine, vi farà sognare.
Bristol con la sua dolcezza, la sua determinazione, l’amore smisurato per il fratello e il suo non rendersi conto di quanto sia bella, unica e intelligente.
Grip con i suoi modi di fare, col suo essere protettivo nei confronti di Bristol, con la sua musica e l’arte che lo accompagna ovunque, anche in un semplice pensiero condiviso con questa ragazza semisconosciuta, ma che per qualche ragione non vuole lasciar andare.

Bristol è anche tutte quelle cose che non avrei potuto aspettarmi e per le quali non avrei potuto prepararmi. La sua curiosità, la sua genuinità e la sua onestà mi hanno agganciato e avvicinato a lei.

Un romanzo breve che va assaporato, che racchiude un mondo interiore fatto di temi importanti e delicati come il razzismo e la violenza sessuale, che vi farà sognare in poche pagine e immergervi del tutto nella storia tra Grip e Bristol, così genuina da farvi ricordare le prime cotte e i primi batticuori di quando eravate ragazzini.

In cima al mondo, così vicini da toccare quasi il cielo e con solo le stelle a guardarci, scopro come dovrebbe essere un bacio.

Inoltre, il modo di scrivere dell’autrice vi travolgerà, con la sua scorrevolezza, semplicità ma anche profondità, arrivando a toccarvi il cuore e la testa e lasciandovi poi lì a pensare a ciò che avete appena letto per un bel po’ di tempo.
Questo libro è pieno di significati nascosti, che la Ryan ha voluto lasciar trapelare in modo discreto e senza forzature, ma che ha dentro tutta la forza e il coraggio di chi ha paura di lasciarsi scoprire troppo, e usa l’arte perchè possa parlare al posto suo.

Ci sono rari momenti perfetti in questa vita. E un numero esiguo di noi li vive, ma io sono privilegiata per vivere questo, con quest’uomo. Che svuota il petto del suo cuore e mette a nudo la sua anima per me sotto un cielo stellato, su una ruota panoramica. E io lo so. In questo momento, so che sono persa in lui. È stata una questione di giorni. È stato un susseguirsi di momenti. Non è trascorso abbastanza tempo per dirglielo, ma nel mio cuore so che sono persa.

Insomma, un romanzo che va assolutamente letto!!

Nell’attesa di leggere presto il seguito, Grip, vi auguro una buona lettura.
Elisa

4-cuori-copy

Annunci

2 pensieri riguardo “Recensione in anteprima: Flow-Kennedy Ryan”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...