Contemporary Romance

RELEASE BLITZ: PRETTY RECKLESS – L.J. Shen

Release blitz per PRETTY RECKLESS di L.J. Shen, primo volume della serie All Saints High, uscito oggi 29 Aprile in lingua inglese.

Questa nuova serie è uno spin-off della Sinners of Saint, approdata da poco tempo anche in Italia grazie a Always Publishing editore che c’ha portato il primo volume, “Vicious. Senza pietà”, e che presto ci darà modo di leggere anche “Infamous. Senza vergogna” (ovvero “Defy”, la storia di Jaime Followhill).

In PRETTY RECKLESS avremo modo di conoscere meglio i figli ormai adolescenti di Vicious, Jaime, Dean e Trent, ma di ritrovare anche i nostri amatissimi HotHoles, alle prese con i drammi dell’essere padri!

Andiamo insieme a rileggere la trama, tradotta come sempre dal Team, in attesa di leggere la recensione in anteprima!

PENN

Dicono che la vendetta sia un piatto che va servito freddo.

Avevo avuto quattro anni per pensare a ciò che Daria Followhill mi aveva fatto, e ora il mio cuore era completamente ghiacciato.

Io avevo preso il suo primo bacio. Lei si era presa l’unica cosa che amavo.

Io ero povero. Lei era ricca.

La cosa positiva delle circostanze? Che possono cambiare. In fretta.

Ora, sono l’ultimo progetto scintillante dei suoi genitori.

Il suo coinquilino. Il suo tormentatore. Il capitano della squadra di football rivale che lei odia così tanto.

Già, ragazzina, dillo- sono il tuo fratellastro.

C’è un prezzo da pagare per aver rovinato l’unica cosa bella della mia vita, e lei sta per versare un bel po’ di lacrime.

Daria Followhill pensa di essere LA regina. Sto per dimostrarle che non è altro che una principessa viziata.

DARIA

Tutti amano un buon vecchio punk impenitente.

Ma essere una stronza? Oh, vieni stroncata a ogni commento sarcastico, a ogni cinica alzata di occhi al cielo, e a ogni piede che metti sulla strada dei tuoi avversari.

La cosa positiva dei tacchi a spillo è che lasciano una gran bella ammaccatura quando calpesti le persone che hanno cercato di ferirti.

Nel caso di Penn Scully, ho perforato il suo cuore finchè non si è dissanguato, per poi lasciarlo in un cestino della spazzatura di una luminosa giornata d’estate.

Quattro anni fa, mi aveva chiesto di preservare tutte le mie prime volte per lui.

Ora vive al di là del corridoio, e non c’è niente che voglia di più che essere il suo ultimo tutto.

Le sue parole d’addio quando mi aveva donato il suo cuore erano state che niente a questo mondo è gratis.

Ora? Ora mi sta facendo pagare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...